2016

Con la PRO ACADEMY la Kässbohrer Geländefahrzeug AG ha concepito un modello di addestramento e formazione multimarca comprendente cinque moduli diversi, finalizzati ad una gestione delle piste efficiente in chiave economica e a risparmio di risorse.
Generazione nuova: Con la qualità e l'affidabilità di sempre. La concezione del veicolo del PistenBully 100 è stata completamente rielaborata sulla base di uno stretto scambio di opinioni con i clienti di tutto il mondo.

2014

20.000 PistenBully - Quale motivo migliore per brindare?
Kässbohrer All Terrain Vehicles, Inc. (KATV) ha concluso l'acquisizione di Soft Track Supply, Inc. - un produttore dei veicoli fuoristrada e trattori a ridotta pressione specifica sul terreno.

2012

Ancora oggi colpisce per le innovazioni tecniche. Una storia di successi, il cui ultimo primato è il PistenBully 600 E+ con trazione elettrica-diesel.

2011

SNOWsat è un sistema professionale di gestione delle piste e della flotta con misurazione dell'altezza della neve. Ampi margini di risparmio e ottimizzazione fanno di SNOWsat una forma di investimento nel futuro.

2007

La famiglia del nostro PistenBully è cresciuta!

Kässbohrer Geländefahrzeug AG ha acquisito Keiteleen Latukone Oy, produttrice di macchine per preparazione di piste di fondo. Le macchine Paana, presenti sul mercato da oltre 25 anni sono, in Scandinavia, i leader indiscussi del mercato nel settore della preparazione delle piste di fondo. I punti di forza del PistenBully Paana sono la tecnica robusta, la grande affidabilità, il rapporto prezzo-prestazioni molto favorevole ed i costi d'esercizio e manutenzione contenuti. La fresa a due stadi consente di preparare, con una sola operazione, piste di fondo conformi ai requisiti della Federazione Internazionale Sci. Con una larghezza di soli due metri e mezzo, PistenBully Paana è del tutto a suo agio quando si tratta di attraversare boschi o di aprire sentieri durante l'inverno.


2006

Quest’anno segna I'uscita della fabbrica del 15.000° PistenBully. Il PistenBully 600 combina l’avanguardia della tecnologia con un confort di azionamento e di guida mai visto!!

2004

Test di resistenza: il PistenBully padroneggia anche le condizioni più estreme. Nessuna nazione che svolge ricerche in Antartide oggi può fare a meno dei PistenBully.

1994/1998

Divisione e nuovo inizio: il settore dei veicoli fuoristradali viene separato dal Gruppo. Dopo quattro anni di successi segue la quotazione in Borsa.

1991

Con il BeachTech, Kässbohrer dimostra di nuovo tutta la sua capacità di innovazione. La tecnica brevettata di rastrello, di setaccio e mista stabilisce nuovi parametri di riferimento.

1984

Con il PistenBully 200 DW nasce il primo veicolo per la preparazione di pendii scoscesi. Un verricello a tamburo sostiene e assicura il veicolo nelle salite e discese estreme.

1983

Su strada e fuoristrada: il Flexmobil viene sviluppato come veicolo di lavoro e di trasporto veloce per l'impiego estivo.

1972

I PistenBully vanno alle XI. Olimpiadi Invernali di Sapporo, dove raccolgono lodi e apprezzamenti. Poco dopo anche negli USA si risveglia l'attenzione.

1971

Figure chiave: il progettista Walter Haug e Erwin Wieland, che caratterizzeranno significativamente il PistenBully. Viene creata la rete commerciale puntando sui criteri dell'amicizia, della...

1969

Il primo PistenBully: a dicembre il primo prototipo effettua un percorso di prova - con trazione idrostatica e volante di sterzo. Poco tempo dopo ha inizio la produzione di serie con un motore diesel.

1920-1930

Con la crescente popolarità degli sport invernali, aumentano anche le esigenze per la qualità delle piste. I semplici rulli sono ben presto sostituiti da attrezzi motorizzati.

1924

Sotto i piedi arrivano le assicelle: le prime Olimpiadi invernali a Chamonix inaugurano la moda dello sci. In brevissimo tempo lo sci diventa uno sport diffusissimo.

1922

Dopo la morte del padre, Karl e il fratello Otto assumono l'azienda: Con grande successo: vengono avviate la costruzione di rimorchi e la realizzazione di numerose invenzioni.

1920

Ingegnere per passione: Karl Heinrich Kässbohrer asseconda il desiderio del figlio Karl di intraprendere uno studio di ingegneria meccanica al Politecnico di Stoccarda.

1911

Karl Heinrich Kässbohrer inaugura il servizio di linea autobus tra Ulma a Wiblingen.

1893

Con la fondazione della sua fabbrica di veicoli nel 1893, Karl Heinrich Kässbohrer posa la prima pietra di una storia suggestiva di successi.

Tutto ha inizio con Georg Kässbohrer. Discende da una famiglia di costruttori navali e realizza la "Scatola di Ulma", come viene denominata ironicamente: una specie di imbarcazione monouso per il trasporto di merci, passeggeri e truppe sul Danubio seguendo la corrente fino a Vienna. Al termine del percorso le imbarcazioni vengono fatte a pezzi e riciclate, poiché un ritorno controcorrente al punto di partenza sarebbe stato troppo costoso.
Tuttavia Georg non vede prospettive nelle costruzioni navali tradizionali e indirizza quattro dei suoi sei figli verso altre professioni. Uno di loro è Karl Heinrich, costruttore di carri, che si interessa ed entusiasma per i nuovi mezzi di trasporto. A Ulma fonda la "Wagenfabrik Kässbohrer" l'azienda di famiglia. La storia inizia il suo corso.

OK
Questo sito web utilizza cookies più informazioni