News

SNOWsat a Timberline, Oregon, USA

30 giugno 2016

Il monte Hood con il Timberline Lodge è l'unico comprensorio sciistico del Nord America che resta aperto 12 mesi all'anno. Per assicurarne il funzionamento tutto l'anno anche in futuro, il centro sciistico nell'Oregon punta ora interamente sul rilevamento della profondità della neve e sulla gestione della flotta con SNOWsat.

Il vulcano dormiente del monte Hood è noto tra gli appassionati di sci e snowboard per una sua particolare caratteristica: un ghiacciaio, denominato nevaio Palmer, che durante i mesi estivi costituisce l'ambiente ideale per snowboard camp, freeski camp e racing camp nonché, naturalmente, anche per "normalissimi" sciatori. E, grazie a SNOWsat, qui le condizioni della neve sono perfette anche in estate.
Durante una normale stagione estiva sul ghiacciaio si tengono circa un centinaio di corsi e ritiri sportivi. Ogni anno allenatori e atleti affluiscono a Timberline per migliorare le loro prestazioni negli sport invernali. Funpark, piste a gobbe, circuiti di gara e halfpipes - tutto questo fa parte del Palmer Snowfield.

Punto focale è il rilevamento della profondità della neve
Per un comprensorio sciistico la cui attrattività si concentra soprattutto nei caldi mesi estivi, è particolarmente importante sfruttare le riserve di neve con estrema efficienza. Nell'ultima stagione invernale la neve è stata molto scarsa. Il gestore del comprensorio, la società Timberline Lodge & Ski Area, ha reagito prontamente, equipaggiando due veicoli con il sistema di misurazione della profondità della neve - un criterio fondamentale nella scelta di SNOWsat. Inoltre su tutti i veicoli è stato installato il sistema di gestione della flotta SNOWsat che facilita e rende più efficiente l'impiego dei mezzi.

Una buona gestione della neve è d'importanza vitale
Alla domanda come il lavoro quotidiano a Timberline sia cambiato con SNOWsat, John Burton, direttore marketing, spiega: "SNOWsat ci consente di migliorare notevolmente la configurazione dei freestyle run, poiché ora sappiamo esattamente dove abbiamo neve e dove dobbiamo sospingerla." Per Timberline la misurazione della profondità della neve rappresenta una funzione prioritaria. "A volte succede che in un punto ci siano solo 60 centimetri di neve, mentre a pochi passi di distanza ce ne sono 6 metri. Sapere dove si trovano questi preziosi depositi di neve è di vitale importanza!"

SNOWsat come strumento di marketing
Nelle loro attività di marketing John Burton e la sua squadra usano SNOWsat anche per dimostrare la profondità corrente della neve. Gli ospiti possono seguire visivamente e di persona la profondità della neve in un dato momento, "Made by SNOWsat", poiché Timberline pubblica questi dati in un blog, per e-mail e in uno "Storm report" sul suo sito web. Il cliente così conosce esattamente quanta neve lo attende sulle piste a Timberline e sul ghiacciaio Palmer - con una precisione di +/- 3 cm. Per tale motivo la misurazione della profondità della neve è molto importante per la squadra del marketing, soprattutto durante la stagione estiva. John Burton rivela in confidenza: "Utilizziamo i dati sulla profondità della neve dell'inverno anche per promuovere le prenotazioni dei corsi estivi. Quest'anno abbiamo misurato una profondità massima della neve di quasi 20 metri!" Per gli ospiti ciò rappresenta una importante dimostrazione della sicurezza di innevamento di questo comprensorio.

SNOWsat si ripaga
A Timberline il lavoro, con tutte le funzioni offerte da SNOWsat, diventa sempre più intenso. Tutti gli operatori hanno già acquisito familiarità con il sistema. La Timberline Lodge & Ski Area nel frattempo può creare una banca dati molto rappresentativa di tutta la superficie di Palmer Snowfield su cui lavorano i vari mezzi. Con il tempo questa statistica realizzata dalla squadra di operatori contribuirà a individuare con sempre maggiore precisione sia i depositi di neve naturali, sia le "zone problematiche", con l'obiettivo di sfruttare con la maggiore efficienza possibile le risorse di neve durante i corsi estivi. John Burton, pertanto, conclude: "SNOWsat si ripaga in ogni caso - io lo consiglierei a ogni comprensorio sciistico - soprattutto a quelli che sono aperti fino alla primavera inoltrata o in estate - e perfino su un ghiacciaio."

PistenBully e SNOWsat consentono una gestione ottimale della neve
Display nella cabina di guida
Al Palmer Snowfield si tengono ogni estate numerosi ritiri di allenamento
OK
Questo sito web utilizza cookies più informazioni