Di guida

IL NOSTRO NUOVO JOYSTICK ALLA 4ª POTENZA
Il nostro ultimo nato, il multitalento PistenBully 100 4F, incarna la nuova generazione di PistenBully. Rappresenta, inoltre, una logica di comando completamente nuova, che comprende l'intera postazione di lavoro dell'operatore. Il cuore del nuovo quadro comandi, completamente integrato nel bracciolo, il cosiddetto "armrest", è un joystick a doppio snodo dalla struttura innovativa, con cui è possibile comandare la lama con una sola mano, in modo intuitivo ed in tutti i gradi di libertà.

Alla ricerca di un comando idraulico di uso intuitivo
"Abbiamo riflettuto a lungo su come sarebbe stato possibile semplificare la complessa gestione della lama con un solo joystick di uso intuitivo", spiega Klaus Frankenhauser, responsabile dello sviluppo di cabina di guida e componenti sagomati. "Si tratta di un punto importante soprattutto per l'esportazione dei nostri veicoli. In particolare, negli Stati Uniti gli operatori sono spesso lavoratori stagionali e ricevono soltanto un breve addestramento. Per loro è molto utile un sistema di comando il più semplice possibile." Ammettiamo che le nostre aspirazioni erano elevate: per poter riprodurre completamente tutti i gradi di movimento della lama, il joystick doveva essere equipaggiato con degli snodi aggiuntivi e doveva inoltre disporre di elementi di comando per confermare, regolare e attivare le altre funzioni. Inoltre, noi di PistenBully, richiediamo sempre la massima robustezza ed affidabilità. In aggiunta, per noi è importante una sensazione piacevole al tatto, che vuol dire forma ergonomica dell'impugnatura e posizione regolabile del joystick - in breve: la possibilità di lavorare in condizioni confortevoli e non affaticanti anche per lunghi periodi.

La risposta: uno specialista in soluzioni elettroniche per applicazioni complesse
La ricerca del partner giusto è stata difficile, ma alla fine ha dato i suoi frutti: lo sviluppo dell'innovativo joystick a doppio snodo è stato affidato a RAFI di Ravensburg. Dietro quest'idea, però, per noi c'è molto di più: presto sarà adottata una filosofia di comando unitaria per tutte le serie di modelli. Per poter comandare tutti i movimenti della lama, il nuovo joystick dispone di doppio snodo che è stato realizzato con diverse tecnologie. L'asse xy del joystick permette di spostare la lama nel piano orizzontale e verticale. Inoltre, grazie ad un altro snodo nella parte superiore, è possibile ruotare l'impugnatura del joystick nel piano orizzontale come la manopola di una moto, per regolare l'inclinazione della lama. La sfida più grande è stata implementare un altro asse z per l'angolo di regolazione trasversale della lama. A questo scopo, nell'impugnatura del joystick sono stati integrati degli estensimetri che rilevano senza traslazione le forze trasversali deformanti. In questo modo l'operatore può contare sempre sulla posizione trasversale desiderata. "Il nostro reparto Sviluppo ha dovuto soddisfare requisiti severi", racconta Ulrich Riegger, responsabile di progetto presso RAFI. "Dovevamo realizzare un comando preciso, senza sovrapposizioni degli snodi degli assi. Per questo abbiamo dovuto ridurre il gioco del joystick, che normalmente è dell'ordine di 7/10 di millimetro, portandolo a 7/100 di millimetro - una grande sfida per la produzione in serie." Inoltre, noi di PistenBully chiediamo sempre una funzionalità del 100% da -40° a +80°.

Morbida al tatto, flessibile nei movimenti
L'impugnatura del joystick doveva da un lato risultare morbida e comoda nella mano dell'operatore, dall'altro consentire di utilizzare bene i tanti tasti, interruttori a bilico e potenziometri rotativi integrati. Questi requisiti sono stati realizzati in modo convincente: l'impugnatura del joystick dispone, in totale, di 18 elementi di comando per la rapida selezione, regolazione e conferma delle funzioni. Nella zona del pollice ci sono nove tasti a corsa corta, tre interruttori a bilico e tre potenziometri rotativi che, con la loro funzione a doppio clic, offrono una gamma ampliata di funzionalità. Sul retro del joystick si trovano, inoltre, tre tasti e un potenziometro rotativo che si utilizzano con l'indice, il medio e l'anulare. Per ottenere, nonostante questo complesso equipaggiamento, una forma perfetta e un'ergonomia ottimale sono stati eseguiti con gli operatori molti test di fruibilità dei comandi.

Il primo nel suo genere
Nel frattempo il joystick ha superato la prova del fuoco a bordo del PistenBully 100 4F e ha già conquistato molti operatori. In futuro il nuovo quadro comandi sostituirà l'attuale filosofia di comando anche su tutte le altre serie di modelli, semplificando la gestione degli attrezzi e contribuendo a dar vita all'architettura unitaria "Look & Feel" del posto di guida, come promette Klaus Frankenhauser: "Abbiamo lavorato a lungo ad una logica di comando confortevole ed avveniristica da adottare su tutti i nostri veicoli, investendo in questo progetto molto tempo e denaro. Con questo joystick unico nel suo genere, il successo è dalla nostra parte".

OK
Questo sito web utilizza cookies più informazioni