News

Laax punta tutto su PistenBully

12 ottobre 2016

Per la stagione invernale entrante, Weisse Arena Bergbahnen AG di Laax non soltanto schiera di nuovo una flotta interamente costituita da PistenBully, ma cambia anche sistema di gestione delle piste e della flotta, passando da Leica a SNOWsat. Molti i motivi che hanno indotto Weisse Arena Bergbahnen AG a concentrarsi esclusivamente su PistenBully e SNOWsat.

In Svizzera la pressione dei costi è altissima, soprattutto nei comprensori sciistici vicini al confine. Il valore elevato del franco svizzero e il maggiore livello salariale sono un chiaro svantaggio rispetto alla concorrenza. Weisse Arena Bergbahnen AG lo sa bene: per questo il comprensorio sciistico presta particolare attenzione alla propria struttura dei costi e al suo sviluppo. L'obiettivo è evidente: offrire ai clienti le piste migliori e raggiungere, come azienda, il miglior rapporto prezzo-qualità. Un presupposto importantissimo, in questo senso, è poter contare su un partner fidato e su soluzioni che guardino al futuro sotto tutti i punti di vista: non soltanto per quanto riguarda i prezzi nudi e crudi delle macchine, ma anche rispetto al servizio di assistenza, alla disponibilità dei ricambi, alla qualità delle piste e al supporto offerto al comprensorio sciistico dalle tecnologie più moderne.

Da tempo Laax ha adottato un approccio globale. Grazie alla lungimiranza di Reto Gurtner, da anni presidente del consiglio di amministrazione, il gruppo aziendale possiede oggi cinque società affiliate, che offrono direttamente agli ospiti tutto ciò che desiderano per le loro vacanze perfette.

Con SNOWsat verso il futuro
Determinante per la scelta netta a favore di SNOWsat è stata, come accennato sopra, l'offerta di un pacchetto completo. In questi giorni è in corso il passaggio integrale dal sistema Leica al sistema di gestione delle piste e della flotta di Kässbohrer, che costituisce un altro passo importante verso un futuro di lavoro in comune molto promettente. L'intenzione è di instaurare un rapporto duraturo e proficuo per ambo le parti. Il know-how del team di Weisse Arena Bergbahnen AG favorirà l'ulteriore evoluzione della gestione efficace delle piste. Laax si offre in tal senso volentieri come comprensorio in cui testare le prossime innovazioni.

Martin Hug, che in seno al consiglio di amministrazione di WAG è responsabile dei settori funivie e fabbricati, vede proprio in SNOWsat un grande potenziale per gestire le piste con più efficienza, meno costi e maggiore sostenibilità. Inoltre guarda già molto avanti: "Pensiamo, ad esempio, al miglioramento della comunicazione delle macchine. SNOWsat pone le basi proprio per questo. A Laax vogliamo sviluppare ancora di più questo aspetto insieme con PistenBully. L'innovazione non sta soltanto nel colore dei sedili e dei cofani o nel design dei veicoli", afferma Martin Hug, per illustrare le opportunità che vede in SNOWsat. "All'operatore vengono visualizzati numerosi dati di marcia importanti relativi alla situazione specifica. Si tratta ora di sfruttare, anche nel settore delle stazioni sciistiche, le insospettate possibilità della digitalizzazione, utilizzando gli smart data. A rendere vincente una soluzione è tutto l'insieme. Possiamo fare innovazione soltanto se siamo pronti a pensare fuori dagli schemi."

Un partenariato esemplare al servizio dello sviluppo
Reto Gurtner svolge da sempre un ruolo pionieristico nell'industria sciistica e ha iniziato a guardare al futuro già anni prima di cominciare a lavorare per Weisse Arena. L'innovativo modello commerciale del Gruppo Weisse Arena è un caso unico nel territorio alpino. In questo contesto, a Laax ci si occupa da molto tempo anche del tema "gestione efficiente delle piste". La collaborazione con PistenBully offre ancora molte opportunità di ottimizzazione dell'attività quotidiana. "Pensate se potessimo integrare tutti i dati in un'unica piattaforma - dati meteo, qualità della neve, profondità della neve, utilizzo delle piste eccetera eccetera - e se da tutti questi dati potessimo ricavare stime e modelli previsionali. Come diventerebbe la preparazione delle piste? Sapremmo esattamente quanta neve depositare e dove, con gli algoritmi potremmo persino calcolarlo in anticipo per la pre-stagione, la stagione principale e la post-stagione e riusciremmo ad utilizzare tutti i mezzi in modo estremamente efficace ed efficiente. Questo ci permetterebbe di ricorrere di meno all'innevamento artificiale e allo spostamento della neve, e avremmo di conseguenza meno costi. I nostri clienti, invece, avrebbero a disposizione piste perfette in qualunque periodo dell'anno. L'uso degli "smart data" porta dunque vantaggi anche ai nostri clienti. Inoltre si potrebbe vedere quanti sciatori stanno utilizzando le varie piste e dove possono crearsi tempi di attesa. Si potrebbero persino inviare ai clienti offerte a tempo limitato sul cellulare", spiega Reto Gurtner.

Un partner forte per un'azione efficace
La decisione di abbandonare la strategia dei due marchi è stata presa a Laax con cognizione di causa. Concentrandosi su un unico partner, si possono riunire le forze. Si ottengono più rapidamente gli obiettivi fissati e i progetti acquistano un dinamismo nettamente superiore. "Lavorare con due o più costruttori richiede più energia. Con un solo partner si raggiungono con maggiore efficienza gli obiettivi fissati congiuntamente e i progetti acquistano un dinamismo maggiore, che favorisce la crescita di entrambi. In altre parole, si arriva alla meta più rapidamente e spendendo di meno." Sono considerazioni che vanno al di là del mero acquisto dei veicoli: "Basti pensare all'approvvigionamento dei ricambi o all'attrezzatura dell'officina. C'è un solo processo, un solo iter, che ogni collaboratore conosce, per cui sa sempre cosa deve fare. Inoltre, concentrando i nostri acquisti, otteniamo naturalmente anche prezzi migliori. Noi ci poniamo sempre questa domanda: dove abbiamo il guadagno maggiore?", spiega Martin Hug.

Poi, con una strizzatina d'occhio, lascia intendere che potrebbero esserci altri cambiamenti già con il prossimo bando. "Al momento siamo convinti che Kässbohrer sia molto in sintonia con la nostra linea. Per questo motivo pensiamo che, per la sua competenza, sia il partner giusto per una rapida attuazione delle nostre idee. Penso, ad esempio, al comando attivo della lama, al consolidamento di sistemi di trazione alternativi, alla comunicazione in tempo reale tra i veicoli adibiti alla preparazione delle piste o alla guida semi-autonoma o completamente autonoma dei battipista."

La vera forza non deriva dai singoli componenti o sottosistemi - ad essere decisivo è il pacchetto completo. A questo va aggiunta la volontà comune dei partner di sviluppo a pensare fuori dagli schemi, a mettere in questione le idee e i modelli commerciali esistenti e a calcare con coerenza nuove strade.

La flotta PistenBully di Weisse Arena consta di 25 veicoli, che saranno presto tutti equipaggiati con la misurazione della profondità della neve SNOWsat. Un presupposto perfetto per testare nuove idee e per sviluppare le migliori, fino a renderle mature per il lancio sul mercato!

La PRO ACADEMY porta sulla pista i risultati dello sviluppo
Tutte queste idee e questi sforzi per rendere più efficiente la preparazione delle piste danno realmente i loro frutti soltanto se poi gli operatori riescono a farli propri e ad utilizzarli sulla pista. È qui che entra in gioco la PRO ACADEMY, che offre agli operatori corsi intensivi e individuali di teoria e di pratica. Con PistenBully e SNOWsat, gli operatori hanno tra le mani degli autentici strumenti high-tech. Lo scopo è insegnare loro in modo professionale come sfruttare al meglio quest'opportunità, per lavorare in maniera ancora più efficiente e sostenibile. In caso contrario, su questo non ci sono dubbi, dall'intero investimento si ricaverebbe troppo poco. Per tale motivo, il comprensorio sciistico ha prenotato anche i corsi per gli operatori. Soltanto con l'ausilio della PRO ACADEMY è infatti possibile trasferire correttamente sulla pista tutta la competenza.

La fiducia è la base migliore
"In tutti i colloqui abbiamo avuto la netta sensazione che la cosa sarà proficua per entrambe le parti", riassumono i due amministratori delegati. "Abbiamo sentito che con Kässbohrer Geländefahrzeug AG e i suoi marchi PistenBully e SNOWsat abbiamo al nostro fianco un partner pronto ad adoperarsi per noi e per le nostre idee, ad esempio anche per la digitalizzazione. In altre parole: i motivi davvero decisivi sono stati il dialogo aperto e la fiducia nella collaborazione."

La flotta di Laax: tutta PistenBully
• Reto Gurtner è l'uomo delle grandi visioni e l'architetto del Gruppo Weisse Arena.
• Martin Hug ha ancora molti progetti in serbo per la gestione della neve.
OK
Questo sito web utilizza cookies più informazioni