Top of Europe

Le Ferrovie della Jungfrau e le Funivie di Männlichen puntano tutto su SNOWsat

Nell’inverno 2014/2015 la regione sciistica della Jungfrau con gli straordinari panorami dell’Eiger, Monch e Jungfrau in Svizzera ha deciso di equipaggiare 17 dei suoi battipista con SNOWsat. Insieme ai responsabili tiriamo le somme della prima stagione. Come direttore della Funivia di First e del settore sport invernali delle Ferrovie della Jungfrau Marco Luggen è stato coinvolto nel progetto fin dalle prime fasi. Lo stesso vale anche per Toni Fuhrer, il direttore della preparazione delle piste e del parco veicoli nella zona Grindelwald First.

PistenBully News: come è avvenuta la decisione di acquistare SNOWsat?

Marco Luggen: naturalmente si è trattato di un lungo processo. Siamo venuti a conoscenza di questo sistema attraverso diversi canali, dalla stampa specializzata, da una visita della vostra società e soprattutto dai miei operatori che sono ben informati e collegati tra loro ...

Toni Fuhrer: lo scambio di notizie tra gli operatori funziona bene e dopo un evento informativo a Mei­ ringen 4 anni fa, gli uomini sono tornati con questa proposta.

PistenBully News: quali sono state le motivazioni principali che infine hanno portato alla decisione?

Marco Luggen: la preparazione delle piste è un importante fattore di costo negli sport invernali. Pertanto seguiamo molto attentamente le innovazioni in questo campo. Inoltre rientra nella nostra filosofia aziendale stimolare l’apporto di nuove idee da parte dei collaboratori e recepire le loro motivazioni. Abbiamo esaminato SNOWsat più da vicino e abbiamo trovato che l’idea dei nostri operatori era molto interessante.

Toni Fuhrer: alcuni di loro all’inizio erano scettici e avevano paura del controllo. ”Noi lo sappiamo bene dove c’è la neve“, era una tipica affermazione.

Marco Luggen: determinante è stato poi l’anno scorso un viaggio al Titlis dove eravamo invitati a una presentazione del sistema. Nel viaggio di andata ci sono state vivaci discussioni e anche durante la presentazione alcuni dei miei hanno sollevato obiezioni. Poi, in cima alla montagna, sul Truebsee hanno guidato un veicolo e hanno potuto sperimentare in pratica le capacità del sistema. Quando successivamente ci siamo incontrati per un caffè ho percepito concretamente un’inversione di 180 °. Quest’unico percorso aveva spazzato via tutti i dubbi. Bisogna semplicemente provare SNOWsat di persona per farsene l’idea giusta.

Toni Fuhrer: e anche l’obiezione relativa al controllo improvvisamente è svanita...

Marco Luggen: ripeto sempre agli operatori che non si tratta assolutamente di controllo, bensì che desidero solo che ogni operatore ne tragga tutti i vantaggi possibili. I miei operatori hanno accompagnato la scelta di SNOWsat fin dall’inizio e sapevano esattamente cosa li aspettava. Sono convinto che questo è il punto decisivo per una buona accettazione da parte degli operatori.

Toni Fuhrer: per noi il vantaggio principale risiede nel fatto che gli operatori ricevono individualmente un feedback nel veicolo e possono reagire direttamente.

Marco Luggen: il consolidamento del know how e l’ottimizzazione della preparazione delle piste sono stati importanti criteri di scelta. Quando un bravo operatore se ne va, per un motivo qualsiasi, se ne vanno con lui moltissime conoscenze. Con SNOWsat per lo meno una parte di queste esperienze è conservata e di anno in anno può essere migliorata e ritrasmessa.

PistenBully News: cosa è cambiato nella modalità di lavoro e nella comunicazione?

Marco Luggen: anche in precedenza abbiamo inserito nella pianificazione le esperienze disponibili, come quantità di innevamento per vasca e quantità di neve. Pertanto anche in passato abbiamo sempre avuto piste di buona qualità. Tuttavia con le poche giornate di neve dell’inverno scorso, SNOWsat ci ha aiutato con informazioni addizionali a distribuire più razionalmente la neve esistente e a mettere tempestivamente a disposizione dei nostri clienti una maggiore superficie di piste. Abbiamo veramente combattuto con i centimetri, ma le discese sono state ottimali fino alla chiusura della stagione.

Toni Fuhrer: la profondità della neve si riconosce ora direttamente passandoci sopra con il veicolo. Non c’è più bisogno di scendere e misurare con l’asticella! Anche la delimitazione delle piste è diventata molto più facile. Abbiamo caricato i nostri dati nel sistema e, nella stagione passata, siamo riusciti con facilità a contrassegnare i bordi delle piste anche con la nebbia più fitta – solo sulla base del navigatore. Senza SNOWsat in caso di nebbia dovevamo farlo di notte, poiché di giorno non si vede nulla, è tutto bianco.

PistenBully News: anche l’innevamento viene ora programmato con maggiore precisione?

Marco Luggen: circa 14 anni fa nella zona di First è stato realizzato un impianto di innevamento integrato molto moderno. Ancora oggi siamo rimasti a quel livello e nel frattempo la nostra capacità di innevamento risulta un po’ svantaggiata rispetto alle nostre altre zone. Qui SNOWsat aiuta a sfruttare meglio le capacità esistenti. Con la neve naturale esistente ed una quantità relativamente piccola di neve artificiale riusciamo a realizzare una pista di buona qualità. Da circa 6 anni anche nella zona Kleine Scheidegg/Männlichen ci sono impianti di innevamento di grandi dimensioni, ancora più moderni. Lì si tratta soprattutto di gestire l’impianto in modo ottimale e più economico possibile.

PistenBully News: quali sono per voi i maggiori vantaggi del sistema?

Toni Fuhrer: con SNOWsat è molto più facile istruire nuovi operatori. Soprattutto in cattive condizioni meteorologiche un nuovo operatore non ha alcun punto di orientamento. In passato nei primi tempi doveva essere sempre accompagnato da uno di noi. Oggi gli mostriamo sul display, o anche con una mappa stampata, l’ubicazione di tutti i punti critici. In tal modo impara a conoscere la sua zona di lavoro più rapidamente e può fare affidamento sui dati.

Marco Luggen: determinante è la data di apertura del comprensorio sciistico. I bollettini sulle stazioni sciistiche aperte nella stagione precedente restano nella mente degli ospiti per tutta la stagione invernale e testimoniano la sicurezza della presenza di neve e la buona qualità delle piste nel territorio. Considerando che l’inverno scorso ha cominciato a nevicare solo molto tardi, SNOWsat è arrivato al momento giusto. Siamo riusciti a mettere in funzione alcune piste prima di quanto avremmo potuto senza SNOWsat. Ogni minima quantità di neve che si accumulava in un punto veniva asportata e distribuita.

Toni Fuhrer: anche il disgelo è stato molto più tranquillo. Da noi numerose piste sono terreni di coltivazione degli agricoltori. Pertanto subito dopo il termine della stagione sciistica dobbiamo rimuovere bene la neve, cioè spanderla in modo che si sciolga nel modo più rapido ed uniforme possibile. Prima, ogni tanto, si verificavano danni alle colture, quando l’operatore asportava la neve troppo profondamente facendola penetrare nel terreno. Questa primavera ha funzionato molto meglio e senza grandi danni.

PistenBully News: siete soddisfatti dell’assistenza da parte di PistenBully prima, durante e dopo l’installazione e messa in funzione?

Toni Fuhrer: per me personalmente la presentazione è stata molto utile. Inoltre l’ho potuta utilizzare per illustrare meglio SNOWsat ai miei collaboratori. Purtroppo i tempi erano strettissimi, perché abbiamo potuto fare l’ordinazione solo agli inizi di novembre e l’installazione è avvenuta in parte a metà della stagione.

PistenBully News: però grazie alla vostra buona preparazione alla fine tutti insieme ce l’abbiamo fatta!

Marco Luggen: eravamo veramente convinti del sistema e pertanto insieme ai tecnici di PistenBully abbiamo in precedenza chiarito tutte le questioni tecniche e le nostre esigenze. Purtroppo ho dovuto attenermi al nostro bilancio che viene approvato solo a novembre per la stagione successiva. Però noi volevamo assolutamente utilizzare il sistema già nell’imminente stagione. In queste condizioni devo dire che è stato un lavoro straordinario di PistenBully riuscire ad installarlo su tutti i 17 veicoli entro Natale. Ripensando alla scarsità di neve dello scorso inverno devo dire che è stata una vera fortuna, ci è servito proprio! Ora che una stagione è passata possiamo perfezionare la base dei dati e il sistema per il prossimo inverno.

PistenBully News: anche noi in questo periodo abbiamo imparato molto! Questo scambio di esperienze rappresenta una preziosa occasione anche per noi e ci consente di adattare ancora meglio SNOWsat alle esigenze dei comprensori sciistici.

Marco Luggen: per i 17 veicoli da allestire, per le dimensioni del territorio e soprattutto per la mancanza di tempo, naturalmente ci sono stati qua e là dei punti che non hanno funzionato subito. Ma abbiamo apprezzato l’impegno e la professionalità con cui sono stati risolti i problemi.

PistenBully News: potete già fare valutazioni concrete sui risparmi dopo una stagione?

Marco Luggen: non posso indicare cifre concrete, poiché in effetti abbiamo iniziato a metà della stagione. Naturalmente ci abbiamo riflettuto, e non poco, visto il forte investimento. Siamo giunti alla conclusione che l’equipaggiamento completo con SNOWsat in ogni caso sarà economicamente conveniente. Se non altro per il feedback diretto del sistema agli operatori dei battipista. Sono convinto che la maggiore efficienza scaturisca direttamente per l’operatore che è alla guida del veicolo e vede esattamente ciò che fa. Lavorare più razionalmente in ogni caso fa risparmiare tempo e quindi denaro. Un altro vantaggio a mio parere è nell’efficienza di innevamento. Uno dei principali fattori di costo in un comprensorio sciistico è la produzione di neve artificiale. A maggior ragione quando si hanno 206 chilometri di piste! La misurazione della profondità della neve via satellite consente di spostare con estrema precisione la neve naturale, riducendo la quantità di neve artificiale. I nostri addetti all’innevamento sono sempre stati attenti ad usare l’acqua in modo oculato. In futuro potranno stabilire ancora più esattamente le superfici di innevamento con valori e quantità effettivi, in modo da aumentare la sicurezza e ridurre ulteriormente il consumo di acqua.

I nostri veicoli consumano anche carburante, e stiamo parlando di importi intorno a CHF 600.000 all’anno. Anche piccole percentuali di risparmio in questo campo costituirebbero belle somme. Tutto considerato, ritengo che questo investimento sia ammortizzabile in tre anni. Si tratta di un periodo del tutto sostenibile!

PistenBully News: come si trovano gli operatori con SNOWsat? Ci sono state perplessità? Cosa ne pensano ora? Lavorano con più soddisfazione?

Toni Fuhrer: per gli operatori il lavoro nei PistenBully è sempre stato piacevole e non hanno cambiato opinione! Con SNOWsat molte operazioni sono facilitate! Si può programmare meglio, la sera prima si può esaminare la propria sezione di pista e si sa esattamente dove c’è bisogno di intervenire o dove la neve manca.

Marco Luggen: mi sono arrivate anche voci di malumori quando c’è da guidare un veicolo che non è dotato di SNOWsat. Nel frattempo tutti gli operatori sono felici di avere SNOWsat a bordo. Per me questa è la conferma di aver preso la decisione giusta.

PistenBully News: vi ringraziamo di cuore per l’intervista!

Area sciistica Grindelwald

La Jungfraubahn Holding AG comprende otto società affiliate e in alta stagione occupa cir­ ca 800 dipendenti. Come attività principale il gruppo gestisce trasporti escursionistici e impianti di sport invernali nella regione della Jungfrau, offrendo ai visitatori emozionanti esperienze della montagna e della ferrovia, in uno scenario unico. Il gruppo Ferrovie del­ la Jungfrau comprende tre settori di attività: Jungfraujoch – Top of Europe, sport invernali e escursioni.

Lo Jungfraujoch – Top of Europe insieme alla stazione ferroviaria più alta d’Europa a 3.454 metri, rappresenta il settore più redditizio del gruppo.

I segmenti sport invernali e escursioni nel­ le zone di Kleine Scheidegg­Männlichen e Grindelwald­First completano perfettamente l’offerta turistica.

Su 206 chilometri di piste ben 40 impianti di risalita assicurano il divertimento e gli sport invernali nell’esclusiva regione sciistica della Jungfrau.

Riunione degli operatori prima di uscire sulle piste
Una parte della flotta di PistenBully davanti a un panorama straordinario: la parete nord dell’Eiger
Marco Luggen (a destra) e Toni Fuhrer a colloquio con PistenBully News

Contatti

Vendite

John Gilbert

Gerente
Telefono: +1 775 857 5000
Fax: +1 775 857 5010
Kässbohrer All Terrain Vehicles Inc.
8850 Double Diamond Parkway
Reno, Nevada 89521
Stati Uniti
www.pistenbullyusa.com

Dennis McGiboney

VP Sales & Marketing
Telefono: +1 775 857 5011 X 202
Fax: +1 775 857 5010
Kässbohrer All Terrain Vehicles Inc.
8850 Double Diamond Parkway
Reno, Nevada 89521
Stati Uniti
www.pistenbullyusa.com

Steve Rhodes

SNOWsat Coordinator
Telefono: +1 775 857 5000
Fax: +1 775 857 5010
Kässbohrer All Terrain Vehicles Inc.
8850 Double Diamond Parkway
Reno, Nevada 89521
Stati Uniti
www.pistenbullyusa.com

Jeb Ellermeyer

Sales Sierra
Telefono: +1 775 857 5011 X 301
Fax: +1 775 857 5010
Kässbohrer All Terrain Vehicles Inc.
8850 Double Diamond Parkway
Reno, Nevada 89521
Stati Uniti
www.pistenbullyusa.com

Terry Fix

Sales Rocky Mountains
Telefono: +1 970 245 9331
Fax: +1 970 245 3362
Kässbohrer All Terrain Vehicles Inc.
783 Valley Court
Grand Junction, CO 81507
Stati Uniti
www.pistenbullyusa.com

Colin Hales

Sales & Service Pacific Northwest
Telefono: +1 503 783 1935
Fax: +1 503 783 1936
Kässbohrer All Terrain Vehicles
18460 SW 126th Place
Tualatin, Oregon 97062
Stati Uniti
www.pistenbullyusa.com

Josh Nelson

Sales New England
Telefono: +1 207 777 7300
Cellulare: +1 207 240 4456
Fax: +1 207 784 5840
Kässbohrer All Terrain Vehicles Inc.
45, Alfred A. Plourde Parkway
P.O. Box 1855
Lewiston, ME 04241
Stati Uniti
www.pistenbullyusa.com

Paul Scanlon

Sales Midwest
Telefono: +1 952 345 3330
Fax: +1 952 345 3331
Kässbohrer All Terrain Vehicles, Inc.
18190 Dairy Lane, Suite 103
Jordan, MN 55352
Stati Uniti
www.pistenbullyusa.com

Paul Swanson

Sales Midwest
Telefono: +1 952 345 3330
Fax: +1 952 345 3331
Kässbohrer All Terrain Vehicles, Inc.
18190 Dairy Lane, Suite 103
Jordan, MN 55352
Stati Uniti
www.pistenbullyusa.com

Jim Grewe

Sales Intermountains
Telefono: +1 435 752-5110
Fax: +1 435 752-8696
Peterson Equipment Co.
80 East 4000 North
P.O. Box 720
Hyde Park, UT 84318
Stati Uniti
www.petersonequipment.com

Bill Brandt

Sales North- & Southeast
Telefono: +1 315 737-5456
Fax: +1 315 737-8922
Mohawk Industrial Werks
3500 Bleachery Avenue
P.O. Box 426
Chadwicks, NY 13319
Stati Uniti
OK
Questo sito web utilizza cookies più informazioni